DIFENDI I TUOI DIRITTI: ISCRIVITI ALLA FILLEA CGIL

   

www.con2si.it/    www.facebook.com/con2si/

News

10 ottobre 2017

#LEGGEDIBILANCIO 14 ottobre 2017 MOBILITAZIONE SULLE PROPOSTE SINDACALI

SABATO, 14 Ottobre 2017 GIORNATA DI MOBILITAZIONE NAZIONALE A SOSTEGNO DELLE PROPOSTE SINDACALI A Torino la manifestazione si terrà in Piazza Castello alle ore 10.00 5.39.8.143/doc-web/volantino-torino-14_10_2017.pdf [Leggi tutto]

3 ottobre 2017

ATTIVO REGIONALE QUADRI E DELEGATI DELL'EDILIZIA

Il 27 ottobre 2017 alle ore 10.00 al HOTEL GALLIA in Via Torino 29/A a PIANEZZA si svolgerà l'attivo regionale unitario dei quadri e delegati dell'edilizia. [Leggi tutto]

29 settembre 2017

TORINO-LIONE; NUOVA RIUNIONE DEL TAVOLO TECNICO

Come programmato, il 21 settembre,  si è tenuta presso l'Assessorato al Lavoro della Regione Piemonte la riunione del tavolo tecnico sull'andamento dei lavori della Torino-Lione [Leggi tutto]

8 settembre 2017

CCNL EDILIZIA: CONTRATTO SUBITO!

Ultimatum di Fillea Filca Feneal alle controparti sul rinnovo del contratto dell'edilizia: se entro novembre non si rinnovano i contratti sarà mobilitazione . Il comunicato dei segretari generali “Se entro novembre non saranno rinnovati i contratti dell’edilizia sarà proclamata una mobilitazione generale dei lavoratori del settore”. A lanciare l’ultimatum alle controparti Ance, Coop, Artigiani, PMI, sono i sindacati di categoria FenealUil, Filca-Cisl, Fillea-Cgil, che hanno dato il via ad una campagna straordinaria di assemblee unitarie, nei cantieri e a livello territoriale, nei mesi di settembre ed ottobre. “A un anno dalla scadenza del contratto nazionale dei lavoratori edili – dichiarano i segretari generali delle tre sigle, Vito Panzarella, Franco Turri, Alessandro Genovesi – c’è l’urgenza di dare una risposta salariale al milione e mezzo di addetti del settore. In questo periodo abbiamo assistito solo ad incontri interlocutori, dove ha prevalso il tatticismo delle imprese ed atteggiamenti dilatori. E questo è avvenuto nonostante le proposte avanzate dal sindacato siano finalizzate non solo a dare risposte ai lavoratori, in termini salariali e di diritti, ma anche ad affrontare in termini nuovi le grandi trasformazioni che stanno caratterizzando il settore e l’intera filiera delle costruzioni, a tutela delle imprese che investono e che rispettano le regole e contro le tante che invece operano in regime di concorrenza sleale, violando gli obblighi contrattuali, retributivi e di sicurezza e, di fatto, facendo dumping alle imprese regolari”. Tra i punti qualificanti della piattaforma unitaria presentata alle controparti, la creazione di un sistema sanitario integrativo volto a garantire parità di trattamento e tutele reali, oltre che il rafforzamento del sistema previdenziale complementare e del fondo per accompagnare i lavoratori più anziani alla loro meritata pensione, favorendo così anche un ricambio generazionale funzionale alla stessa qualificazione del settore, in particolare guardando alla rigenerazione e alla messa in sicurezza del patrimonio esistente. Per Feneal, Filca e Fillea “il rinnovo del contratto deve consolidare una ripresa di qualità, premiando i lavoratori e le imprese edili più serie, al servizio dei grandi investimenti infrastrutturali, della lotta al dissesto idrogeologico, degli interventi sul fronte dell’antisismico e per la riqualificazione delle aree urbane. È per queste ragioni che è necessario rinnovare il contratto nazionale e tutti i contratti provinciali ancora aperti; se le controparti mantengono atteggiamenti dilatori – concludono - la mobilitazione del settore sarà inevitabile”. [Leggi tutto]

2 agosto 2017

Autostrade, passi avanti per mettere in salvo 3 mila posti di lavoro.

“L’incontro di questa mattina al Mise è sicuramente positivo. Stiamo valutando tutte le soluzioni possibili per risolvere la vicenda delle concessionarie autostradali e scongiurare così il rischio che i 3.000 lavoratori delle aziende interessate vengano licenziati”. Lo dichiarano in una nota le segreterie nazionali di Feneal-Uil, Filca-Cisl, Fillea-Cgil, dopo il confronto con i vertici dei ministeri dello Sviluppo economico e dei Trasporti, convocato per fare il punto a seguito del parere dell’Anac dei giorni scorsi. “L’attenzione sull'affidamento in house dei lavori di manutenzione e progettazione autostradale resta alta, i ministeri si sono dichiarati pronti a proporre nella Finanziaria un emendamento per ottenere lo stralcio dei lavori di manutenzione dal limite per gli affidamenti diretti, e la proroga dei termini previsti dal Codice appalti. Inoltre sarebbe auspicabile un maggiore coinvolgimento degli stessi Mise e Mit da parte dell’Anac sui tavoli tecnici. I ministeri – concludono i sindacati – hanno fatto propria la nostra richiesta, avanzata sin dal primo momento, e cioè che non ci sia da parte delle concessionarie alcun intervento sui livelli occupazionali, e si trovino soluzioni concrete in grado di salvaguardare l’occupazione ma anche di garantire la qualità della progettazione e delle manutenzioni sulla rete autostradale, a beneficio di tutta la collettività e a sostegno della politica industriale del Paese”. [Leggi tutto]

Archivio

Fillea informa 

Scarica Fillea Informa (.pdf): 1 - 2345 (Inchiesta sicurezza - Questionario sicurezza) - 678910 - 11 - 12 - 13 - 14